10 consigli nutrizionali per un cuore sano

Tempo di lettura: 2 minuti

27 Settembre 2016

Cerca anche nelle categorie:

Peso corporeo

Mantenere un corretto peso corporeo attraverso un giusto introito energetico rispetto al dispendio giornaliero.

Antiossidanti

Seguire una dieta ricca di antiossidanti (vitamina C, E, selenio, coenzima Q10, polifenoli e flavonoidi).  Inserire i seguenti cibi nella dieta: olio extravergine di oliva, fragole, cipolle, mele, tè verde, tè nero, arance, kiwi, peperoni rossi, patate dolci, broccoli, cavoli, mandorle, semi di girasole, soia, noci del brasile, aglio, orzo, riso integrale, avena, tofu, sardine, sgombro.

Acidi grassi insaturi

Seguire una dieta ricca di acidi grassi insaturi (frutta secca, semi, pesce, olio extravergine di oliva, avocado olive) e povera di acidi grassi saturi e trans (formaggi, salumi, insaccati, cibi confezionati contenenti uova, latte intero, burro, gelato, carne rossa, margarina, patatine fritte, fast food, cibi precotti).

Le fibre

Corretta assunzione di fibra alimentare idrosolubile e insolubile attraverso un adeguato consumo giornaliero di frutta, verdura, cereali integrali e legumi che aiutano ad abbassare la concentrazione di glucosio nel sangue e prevengono l’accumulo di grasso corporeo e l’infiammazione.

10 consigli per un cuore sano

Le antocianine

Seguire una dieta ricca di antocianine (frutta e verdura di colore rosso, porpora, viola, blu).

Combattere il colesterolo

Introdurre nella dieta quotidiana cibi (aglio, melograno, sedano, mele, tè, cacao, pesce, olio extravergine di oliva, avena integrale e crusca di avena) in grado di contrastare l’aggregazione piastrinica, la formazione di colesterolo LDL e migliorare la circolazione tenendo sotto controllo la pressione sanguigna.

L’esercizio fisico

Fare esercizio fisico (esercizio fisico aerobico e anaerobico) con regolarità che permette di mantenere un cuore allenato aumentandone il volume, lo spessore muscolare e abbassando la frequenza cardiaca.

Diminuire lo stress

Imparare a gestire lo stress attraverso l’esercizio fisico, che porta alla liberazione di endorfine e alla normalizzazione del battito cardiaco.

L’acido folico

Inserire cibi ricchi di acido folico (Vit. B9) che contribuiscono a mantenere bassa l’omocisteina. L ’iperomocisteinemia è considerato un importante fattore di rischio cardiovascolare (aterosclerosi, infarto del miocardio), cerebrovascolari (ictus), periferico-vascolari (trombosi arteriose e venose). L’acido folico si trova nella verdura a foglia verde scuro come spinaci, coste, lattuga.

Diminuire il sale

Attenzione al utilizzo di sale soprattutto se si è ipertesi: sostituire il sale con spezie ed erbe aromatiche.

Fai in modo che ogni battito sia sano!

Questi Articoli sono pensati per te

Non saltare i pasti

Lo stile di vita frenetico influisce sempre di più sulle nostre abitudini alimentari. Le persone sono talmente assorbite da impegni e lavoro che a volte si dimenticano di mangiare. Alcuni pazienti sostengono addirittura che mangiare è una perdita di tempo! Altri mangiano talmente veloce che non riescono a percepire nemmeno il gusto del cibo, figuriamoci […]

Come mangiare sano lavorando da casa

Quando casa diventa il tuo ufficio In questo momento per diverse persone l’ufficio è la propria casa. Dal punto di vista alimentare può essere difficile mantenere il controllo! Proprio grazie alla disponibilità immediata di cibo, c’è il rischio di ritrovarsi a mangiare in continuazione! Lavorando da casa si perdono i ritmi, si saltano i pasti, […]

6 consigli per iniziare in forma il nuovo anno

Spero che questo periodo di festività ti sia servito per rilassarti e per goderti del buon cibo a tavola con i propri cari senza preoccuparti troppo delle calorie e del peso! Tuttavia potresti sentirti un pochino appesantito e aver voglia di riprendere a mangiare in maniera più pulita e sana. Voglio aiutarti a farlo in […]

Dieta e malattia da reflusso gastroesofageo

Reflusso Gastroesofageo (GER) Il reflusso gastroesofageo è considerato un normale processo fisiologico che si verifica fin da piccoli. Avviene grazie al rilassamento dello sfintere esofageo inferiore (LES) e permette la risalita dei succhi gastrici verso l’esofago soprattutto dopo i pasti. Se questi meccanismi superano una determinata soglia in termini di frequenza e durata possono dare […]