Alimentazione per atleti agonisti in quarantena

Tempo di lettura: 2 minuti

21 Aprile 2020

Cerca anche nelle categorie:

Atleti in quarantena

Alimentazione per atleti agonisti in quarantena

Eravate in piena preparazione per le gare e all’improvviso avete dovuto interrompere l’allenamento? Vediamo insieme come possiamo mantenere una buona forma fisica attraverso una corretta alimentazione.

Alimentazione personalizzata

Buone abitudini in quarantena

Innanzitutto bisogna quantificare il dispendio energetico giornaliero tenendo presente tutti gli allenamenti impostati. Una delle cose più difficili dell’atleta agonista è quella di soddisfare correttamente i fabbisogni energetici giornalieri! Solitamente si tratta di allenamenti giornalieri molto intensi e duraturi che richiedono molta energia. A seconda dell’allenamento e del dispendio energetico giornaliero bisogna impostare un corretto introito energetico, distribuito in maniera bilanciata tra i nutrienti e personalizzato secondo i fabbisogni nutrizionali dello sportivo.

Alimentazione per atleti agonisti in quarantena

Il primo consiglio che vi do è di fare un confronto tra gli allenamenti precedenti e quelli che svolgete ora in casa. Se la durata e l’intensità dell’allenamento è inferiore vuol dire che dovete ridurre anche l’introito energetico, altrimenti rischierete di aumentare la massa grassa. Non è facile capire da soli di quanta energia abbiamo bisogno, vi consiglio di rivolgervi allo specialista che vi segue per l’alimentazione chiedendo di correggere il piano nutrizionale in base alle esigenze. Il concetto di alimentazione personalizzata e periodizzata nello sportivo assume un ruolo di massima importanza! Tuttavia mantenere una sana alimentazione, anche se non personalizzata, aiuta a mantenere un’ottima forma fisica, contribuisce a ridurre l’infiammazione di basso grado e ci aiuta a prevenire diverse patologie.

Sana alimentazione

Una sana alimentazione soddisfa il fabbisogno di nutrienti, promuove il benessere grazie a un adatto introito energetico e ci aiuta a prevenire le patologie riducendo l’infiammazione. Ecco qualche consiglio sulla scelta degli alimenti.

Alimentazione per atleti agonisti in quarantena

Preferire carboidrati integrali rispetto a quelli raffinati e ridurre il consumo di zucchero. Variare il più possibile le fonti proteiche di origine animale (carne, pesce, uova, formaggi) con quelle di origine vegetale (fagioli, ceci, lenticchie, fave, cicerchie, piselli). Preferire i grassi dell’olio extravergine di oliva, della frutta secca (noci, mandorle, nocciole etc), del pesce (alici, sardine, sgombro, branzino, orata etc) rispetto a quelli della carne o del formaggio.

Alimentazione per atleti agonisti in quarantena

Non fare mancare la verdura di stagione cotta e/o cruda durante i pasti principali. Consumare 2-3 porzioni al giorno di frutta fresca di stagione. Per soddisfare il fabbisogno di vitamine, minerali e altri micronutrienti è importante avere un’alimentazione varia, bilanciata e rispettare la stagionalità dei cibi.

Hai bisogno di impostare un percorso nutrizionale personalizzato? Puoi chiedere un appuntamento da quì.

Questi Articoli sono pensati per te

Dieta e malattia da reflusso gastroesofageo

Reflusso Gastroesofageo (GER) Il reflusso gastroesofageo è considerato un normale processo fisiologico che si verifica fin da piccoli. Avviene grazie al rilassamento dello sfintere esofageo inferiore (LES) e permette la risalita dei succhi gastrici verso l’esofago soprattutto dopo i pasti. Se questi meccanismi superano una determinata soglia in termini di frequenza e durata possono dare […]

4 consigli per un’estate in forma

Non smettere di fare attività fisica con il caldo Con l’arrivo del caldo estivo sono diverse le persone che smettono di fare attività fisica. E’ importante non fare questo errore perché alla stanchezza dovuta all’innalzamento della temperatura si aggiunge quella che deriva dalla perdita di massa muscolare! Piuttosto che smettere di fare attività fisica è […]

Come combattere i radicali liberi attraverso una corretta nutrizione

Stress ossidativo e radicali liberi I radicali liberi di interesse per la patologia umana sono quelli dell’ossigeno chiamati ROS (Reactive Oxigen Species). Stiamo parlando dell’anione superossido (O2-), del radicale idrossile (•OH) e del peridrossile (ROO•). Chimicamente parlando si tratta di molecole molto instabili, poiché gli elettroni spaiati tendono ad accoppiarsi per raggiungere l’equilibrio energetico. Se […]

Alimentazione e attività fisica in quarantena

Attività fisica Grazie alla tecnologia e a diversi istruttori fitness abbiamo la fortuna di riuscire a muoverci anche dentro le mura di casa. Dobbiamo però distinguere tra sport a livello agonistico e attività fisica a livello amatoriale, finalizzata al raggiungimento e al mantenimento del benessere psico-fisico della persona. Se vi allenate 2-3 ore a settimana […]